bike tour Valencia

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

I trasporti a Valencia: metropolitana, autobus, taxi, biciclette e moto

Valencia è la terza cittá della Spagna con quasi 800.000 abitanti, si estende su quasi 135 km2. E`una città completamente pianeggiante, si affaccia sul mare con una lunghissima e larghissima spiaggia ed è attraversata completamente dall'antico letto del fiume Turia, ora trasformato in giardini.

Ha 9 linee di metropolitana, in parte sottoterra, 27,30 km,  in parte in superfice, 129,08 km, per un totale di 156,38 km di vie ferrate. Le stazioni sono 138 di cui 35 sotterranee. Le linee 3 e 5 collegano direttamente l'aereoporto con il centro della città e non solo. Il nome della compagnia è MetroValencia. Più sotto trovi il link.

Ha 48 linee di autobus diurne e 12 notturne. Molto spesso gli autobus circolano su una corsia riservata solo bus e taxi, cosa che permette maggior efficcienza e puntualità. La compagnia si chiama EMT Valencia. Più sotto il link.

Valencia ha poi 140 km di piste ciclabili che attraversano con una fitta rete tutta la città. Una compagnia pubblica di bike sharing che si chiama Valenbici, ma sono anche molto diffusi in tutta la città i negozi di affitto di biciclette, per ore, giorni o anche settimane e mesi.

I Taxi hanno numerose fermate sparse per tutta la città soprattutto in luoghi di affluenza turistica, tipo le stazioni dei treni,  aereoporto, porti, grandi hotel, piazze principali della città, Oceanografico e Bioparc. Ma i taxi a Valencia girano sempre e spesso basta fermarsi in un punto visibile in una strada principale e alzare la mano quando si vede un taxi con la luce verde accesa. Ci sono poi le App e i numeri di telefono delle diverse associazioni e cooperative che premettono di prenotare o chiamare un taxi 24 ore al giorno.

Esistono poi numerose  Rent a Car, cioè agenzie di affitto auto, soprattutto in aereoporto, con prezzi a volte veramente interessanti anche 10 volte meno che in Italia. Nel centro quasi impossibile parcheggiare per strada, ma sono numerosi i parcheggi coperti a pagamento.

Valencia è una città senza praticamente barriere architettoniche per muoversi con le sedie a rotelle. Sia la metropolitana che tutti gli autobus sono facilmente accessibili, grazie agli ascensori e marciapeidi a livello del treno e con pedane automatiche in tutti i bus della EMT.

 

Esiste anche la possibilità di affittare moto, moto elettriche, monopattini elettrici.

Infine sapete come si muovono la maggior parte dei Valenciani nei loro spostamenti?  A piedi.

Infatti essendo la città pianeggiante, con 300 giorni di sole all'anno, i marciapeidi ampli e le strde pedonali numerose, spesso il modo più comodo e rapido per arrivare da un posto all'altro che non sia a più di 15 minuti a piedi è semplicemente camminando.

Se vuoi conoscere Valencia a piedi, contatta la tua guida italiana di fiducia.

CLICCA E CHIEDI

Per i mezzi di trasporto di Valencia e per conoscere le fermate della metropolitana di Valencia e orari ecco alcuni link per tutti i gusti, ma se lo spagnolo non è il tuo forte o vuoi consigli, puoi scrivermi cliccando sul link  verde qui sopra.

metro VALENCIA  

EMT VALENCIA BUS

TELETAXI

AFFITTA BICI

AFFITTA BICI

 

 

 

 

 

 

città di Calatrava Valencia

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

LA VALENCIA DI CALATRAVA

Conosci la Valencia di Calatrava? È una città costruita all'interno dell'antico letto del fiume Turia dove ti sembrerà di trovarti nel futuro. Conosciuta con il nome di Città delle Arti e delle Scienze è costituita da vari edifici di grandi dimensioni con due colori principali: il bianco della luce e l'azzurro del mare e del cielo.

Arrivando dal centro della città si trovano i seguenti edifici:

Palau de les Arts Reina Sofia: il teatro dell'opera di Valencia. Innaugurato nel 2005 ha uno stile chiaramente vanguardista. Ssi trova circondato da 87.000 metri quadri di giardini e uno specchio d'acqua artificiale di 10.000 metri quadrati. al suo interno vi sono 4 sale: La sala prinicipale dove si rappresenta l'opera con più di 1200 posti a sedere, L'auditorio giusto sopra, con altri 1400 posti per il pubbblico, La sala magistrale e il teatro Marti i Soler ognuno con 400 posti

Hemisferic: un cinema IMAX 3D e planetarium con forma di semisfera. Fu il primo degli edifici ad essere aperto al pubblico : 19 marzo 1998. La sua forma vista da un lato e riflettendosi nello specchio d'acqua è quella di un occhi gigante

Museu de les Ciencies Prinicipe Felipe: è il museo interattivo della Scienza dedicato soprattuto ai dinosauri, ai viaggi spaziali e al DNA. Ha l'aspetto dello scheletro di un dinosauro o di una balena

Umbracle: Una serie di archi bianchi che ospitano un giardino botanico e una discoteca all'aperto. sotto nascosto s itrova un parcheggio a due piani

Agora: una grande onda blu che ospiterà presto un museo a cura della fondazione Caixabank. Elemnto in comunue di tutti gli edifici 3 materiali: le piastrelle di ceramiche rotte e combinate a fare un mosaico: tecnica chiamata trencadis. Il cemento armanto bianco e l'acciaio anche dipinto di bianco

La città delle Arti e delle Scienze si conclude con l'acquario Oceanografico, opera però dell'archietto Felix Candela.

Se vieni a Valencia non ti puoi perdere questa parte della città e per usufruirne al massimo fatti accompagnare dalla tua guida italiana a Valencia

- CLICCA E CHIEDI -

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Acquario di Valencia: Oceanografico

Chiamiamo da secoli il nostro pianeta: Terra, Se ci fermiamo un attimo a pensare è ricoperto per più del 70% d’acqua, ed è quasi tutto mare. Escludendo le poche persone che lavorano e vivono in mare, tutti gli altri lo ignorano e vedono il mare solo quando vanno alla spiaggia a prendere il sole. Facciamo una prova? Che tipo di animali vivono nel mare?

Hai risposto: I pesci? Allora sei proprio un tipo da spiaggia e ti consiglio ti leggere questo articolo e di visitare al più presto l’Oceanografic, dove sicuramente ci sono moltissimi pesci, ma anche rettili, uccelli, mammiferi …….. Pensandoci un momento e ricordando qualche lezione di scienze, un documentario o un cartone animato sicuramente qualcuno ti verrà in mente. Un rettile: la tartaruga marina. Un uccello: il pinguino. Un mammifero: il delfino. Ma la varietà di animali che vivono nei diversi habitat marini è molto più grande e grazie ai diversi acquari che trovi dell’Oceanografic potrai sommergerti in un mondo meraviglioso che distrattamente, e facendo finta che non esista, stiamo distruggendo. Per raccontarvi ciò che ho imparato sull’Oceanografic lavorando come docente d’italiano di un buon numero di lavoratori, visitandolo durante vari anni e partecipando a numerose conferenze della Fondazione Oceanografico, avrei forse bisogno di un libro. Cercherò invece solo di stimolare solo la vostra curiosità e magari un’altra volta darò più dettagli se questo articolo non avrà saziato la curiosità di molti.

Descrizione del Parco Oceanografico

Per prima cosa non si tratta di un museo. L’Oceanografico è il parco marino più grande di Europa. Si trova nel complesso della Città delle Arti e delle Scienze di Valencia, nell’antico letto del fiume Turia, a poca distanza della sua foce nel Mar Mediterrano. Tra tutti gli acquari, piscine, laghi artificiali e tubature il contenuto totale è di 46 milioni di litri d’acqua, presa quasi tutta dal Mar Mediterraneo, attraverso delle pompe e filtrata prima di essere usata per ospitare gli animali. L’acqua per i pesci non ha cloro, ma la maggior parte d’acqua è per i mammiferi. Le sole piscine del Delfinario hanno circa 26 milioni di litri d’acqua. Una parte dell'acqua è invece acqua dolce. Appena passati i cancelli di controllo di accesso ci troviamo difronte a un bellissimo edificio di vetro con scritto OCEANOGRAFIC. La visita comincia lí. Uscendo dal MEDITERRANEO troviamo la voliera, dove ci sono due tipi di zone umide, cioè zone di acqua salmastra, una mediterranea e l’atra tropicale. Ospiti eccezionali uccelli molto colorati.

Continuando e scendendo troviamo le zone TEMPERATE E TROPICALI dove incontretai Nemo, molti Nemo. Veramente interessanti, ma il pezzo forte viene con gli OCEANI e con il tunnel sotto gli squali soprattuto del tipo Grigio e Toro. Nella parte esterna, quindi sopra gli acquari degli OCEANI troviamo il ristorante OCEANOS sullo stile nei miei ricordi di un ristorante sulla costa dell’Atlantico Passando agli estremi della Terra troviamo una grande cupola bianca. Collegati da un tunnel troviamo l’ARTICO e l’ANTARTICO. Appena salutati i pinguini e la beluga troviamo il DELFINARIO, dove assitere se vogliamo allo spettacolo dei DELFINI. Ma non è finita qui. Se scendiamo le scale ci troviamo nell’auditorium MAR ROSSO, dove come sfondo dello palcoscenico c’è un acquario gigante con i pesci del Mar Rosso e dove si proiettano film e documentari 4D Lí vicino una gelateria e LE ISOLE, dove possiamo ammirare una famiglia di leoni marini della Patagonia Come ho detto al centro del Parco Oceanografico c’è una grande lago artificiale, con anatre, cormorani, cigni e fenicotteri rosa. Le sorprese non finiscono mai. Al centro del lago un’altra meravigliosa costruzione a forma di fiore, bianca e con grandi vetrate: è il ristorante SOTTOMARINO. Qui si può pranzare o cenare in una grande salone, circondato da un unico acquario, avendo l’impressione di star cenando sott’acqua. Piatto tipico: chiaramente la paella.

Per fare una visita completa dell’Oceanografic sono necessarie circa due o tre ore, meglio se accompagnato da una guida che ti spiega un po' perché sicuramente è bello vedere tanti pesci di tanti colori, ma capire come vivono, cosa mangiano, come si riproducono è più bello e interessante. Per chi ha più fretta ecco le 10 cose da non perdere.

presto cliccando qui troverai: OCEANOGRAFIC: 10 COSE DA NON PERDERE

guida di Valencia

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Una vacanza a Valencia perfetta

Chi non desidera organizzare una vacanza a Valencia perfetta?

Certo molti potranno dire che è impossibile realizzarla, perché sempre possono accadere degli imprevisti, ma certamente se non organizziamo niente o la organizziamo male o ci affidiamo a azzecca garbugli e molto difficile che possiamo minimamente avvicinarci alla perfezione. Come minimo bisogna provarci, senza stress, ma con le idee chiare.

Primo elemento sarà scegliere il periodo della visita. Se per esempio odiamo il caldo, fine giugno, luglio, agosto e inizio settembre non sono i nostri mesi.

Se invece ci piace il sole e vogliamo andare al mare, proprio questi mesi sono gli ideali.

Se ci piace la festa, la baldoria, il folklore abbiamo un'amplia scelta, ma sicuramente il periodo migliore per far festa a Valencia è il mese di marzo, il mese delle Fallas. Se invece preferiamo la tranquillità sarà meglio scegliere un'altro periodo tipo ottobre, novembre o febbraio, stando attenti alle date critiche, come dal 9 al 12 ottobre, poi le date della mezza maratona e della maratona, la data del Moto GP, il ponte di novembre, o San Valentino se viene vicino a un fine settimana.

Scelto il periodo dobbiamo decidere quanti giorni ci fermiamo.  Per vedere la città con tranquillità, poter fare qualche piccola escursione fuoriporta e un dedicare un poco di tempo allo shopping, l'ideale è fermarsi una settimana.  Se poi abbiamo meno tempo con tre notti e quindi due giorni interi e magari mezzo in più,  si riescono a visitare tutte le cose importanti del centro Storico, della Città delle Arti e delle Scienze e la zona del porto o l'Albufera.

Una volta scelte le cose che vogliamo visitare e le attività che vgliamo svolgere  durante la nostra vacanza a Valencia tocca scegliere dove dormire, se in un hotel o in un appartamento e la posizione, distanza e collegamenti con i luoghi che vogliamo visitare.

 Prenotare un buon ristorante di paella sarà sicuramente importante, soprattutto in giorni festivi.

Ma per godersi al meglio la città e organizzare bene la propria vacanza, la cosa più semplice e approfittare della colaborazione di una guida turistica ufficiale, che oltre a darci ottimi consigli potrà guidarci alla scoperta di monumenti, parchi e attrazioni, che altrimenti non vedremmo o non potremo apprezzare pienamente.

Se vuoi puoi contattarmi cliccando qui:  CONTATTO

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Organizza il tuo tour a Valencia

 

Se vieni a Valencia sicuramente avrai voglia di visitarla e di utilizzare al meglio il tuo tempo anche se sei in vacanza.

Per questo e proprio per poter lasciare un tempo libero e di riposo è meglio organizzare un tour con l'aiuto della tua guida italiana

Per prima cosa è importante il punto di partenza. Se vuoi visitare soprattuto il centro storico sarà importante trovare un hotel o un appartamento in centro o in un punto ben collegato con la metropolitana.

Secondo elemento importante gli orari. La Spagna ha lo stesso fuos orario dell'Italia ma si trova abbastanza più a ovest. Questo vuol dire che il sole sorge più tardi, tramonta più tardi e tutti gli orari, come per esempio di apertura dei musei sono anch'essi spostati più tardi. La maggior parte apre infatti alle 10:00. Per il pranzo è invece molto complicato pranzare prima delle 13:30, orarioi n cui apre la maggior parte dei ristoranti. Certo il modo migliore per realizzare un tour è seguire un ordine che permetta di visitare più punti di interesse, dedicando il tempo giusto ad ogni attrazione e a metà della visita, o al suo termine se il tour si fa solo d imattina, torvarsi vicino a un buon ristorante.

Per organizzare un tour il modo più semplice è contrattare la tua guida turistica italiana

CONTATTO

Contattami

Se vuoi una guida italiana per visitare Valencia, scrivimi qui.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Informativa:Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo
© 2017 guidaitalianavalencia.com

Search